2011/12: INFORMAZIONI PER CHI AVEVA 12 CFU E TUTTI GLI MP3 DELLE LEZIONI

giovedì 15 gennaio 2009

Sintomi


Da qualche settimana Amanda (5 mesi) non prende più il latte della mamma, e siamo passati all’allattamento artificiale. Per disinfettare i biberon di Amanda usiamo un prodotto di marca, che poi si risolve nell’essere una specie di varecchina profumata e costosissima: ne mettiamo un misurino in due litri d’acqua e per 24 ore possiamo essere sicuri che i biberon saranno disinfettati a fondo. Il liquido è un po’ irritante per la pelle e dopo qualche giorno che sciacquavamo tettarelle, ghiere e biberon, io e Valeria ci siamo ritrovati con le mani tutte secche e screpolate.
Al supermercato ho pensato di comprare i guanti di gomma. Vedo la taglia “grande” e la porto a casa, solo per scoprire che l’unità di misura dei guanti per lavare i piatti è tuttora la mano di una donna, per cui “grande” significa “grande da donna”, e infatti a me stanno strettissimi.
È dentro ovvietà di questo tipo (le taglie dei guanti per lavare i piatti) che si nasconde la disparità tra uomini e donne che tutti diamo per scontata.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

ma perche' sterilizzate con amuchina per poi ricontaminare con il risciacquo? io lavo con acqua calda e detersivo...il pediatra (cioe' il loro padre) dice che e' sufficente. e' invece d'obbligo la steilizzazione per i neonati e prematuri.

ioana h.

Piero Vereni ha detto...

Sì, Ioana, hai ragione. Giusto questa sera mi sono detto che non ha senso continuare a sterilizzare i biberon e si passa all'acqua e detersivo. Sembra quasi che ti abbia letto in anticipo...

Estella ha detto...

Il fatto che te ne sia accorto solo ora è sintomatico. Io, (senza accusare i miei genitori di sfruttamento minorile),ne ho fatto esperienza a dieci anni, quando la taglia small era evidentemente sproporzionata, tanto da chiedere a babbo natale i guanti in lattice della Barbie, per colmare l'ingiustizia.