2011/12: INFORMAZIONI PER CHI AVEVA 12 CFU E TUTTI GLI MP3 DELLE LEZIONI

martedì 3 luglio 2007

Zotero


Se lavorate con bibliografie consistenti e usate tanto internet, credo che dovreste dare almeno un'occhiata a questo software, partito lo scorso autunno. In sostanza è un sofware di reference management, ma lavora da dio sul web e riconosce un sacco di formati di schede librarie. Senza che dobbiate neppure copiarvi i dati del libro, Zotero capisce quali sono i campi e riempie la scheda bibliografica in modo corretto. Se lavorate con Opac/internetculturale o Library of Congress Catalog o http://www.jstor.org/, potete organizzarvi una bibliografia per temi in pochissimi minuti (forse troppo pochi? Mi troverò con centinaia di schede che NON avrò compilato e quindi rischio di venir sommerso da informazione che ho prodotto senza elaborarla, senza conoscerla?). Qui potete leggere una presentazione in italiano, dove si spiega anche che Zotero, essendo open source, lavora dentro Firefox 2.0. Credo che proverò ad usarlo e aggiornerò questa recensione di tanto in tanto. Se qualcuno lo usa mi farebbe piacere sapere che ne pensa.
Intanto, da quel che ho visto, è veramente potente. Esporta le bibliografie in moltissimi formati e consente di lavorare con schede di annotazione e tags semantici per ogni scheda bibliografica (che poi non dev'essere per forza bibliografica, potete schederare anche video, audio, pagine web). Ero un po' perplesso dal fatto che lo storage fosse sul computer, non sul web. Per uno come me, che lavora sistematicamente su tre computer (portatile, casa, ufficio) rischiava di diventare un handicap insormontabile. Invece l'esportazione dell'archivio è semplice e veloce (almeno, con le trenta schede di prova che ho fatto stanotte). Finito di lavorare, si esporta il file in formato "zotero" e lo si copia sulla chiavetta usb. Quando si cambia macchina, basta lanciare zotero e importare il file dalla chiavetta per trovarsi tutto il lavoro al punto esatto in cui lo si era lasciato. Sì, vale la pena di provare ad usarlo (anche se ai miei studenti preferisco per ora far fare la bibliografia con word, così imparano come si fa).

8 commenti:

Paolo ha detto...

Sto usando questo software per creare le references per una review di argomento bioinformatico che sto scrivendo. Salvo qualche bug ogni tanto (sempre meno con l'ultimo aggiornamento a dire il vero), mi trovo veramente bene, sia in word e open office che uso per il draft (il primo per 'compatibilita' con il capo') che ovviamente in LaTeX funziona veramente bene! Lo consiglio vivamente.

Piero Vereni ha detto...

Grazie del feedback.Io continuo a usarlo e mi pare possa servire bene anche come strumento di archiviazione di pagine web e di siti in generale. Ci vorrà ancora qualche settimana di prove su strada prima di verificare il giudizio, ma è confortante sentire già qualche commento positivo

gunzapper ha detto...

Su debian/Sid ho trovato pochi software per fare bibliografie (se si usa OpenOffice e non latex)... sarà colpa mia.
Zotero mi causa qualche problema, in particolare non posso citare gli articoli in più sezioni ed ottenere una bibliografia unica... mi mette solo gli ultimi citati da quando ho lanciato OpenOffice, inoltre non mi permette di citare due lavori contemporaneamente, del tipo (Tizio and Caio 1998, Sempronio et al. 2007).
PS. : Sono anch'io dell'Unical ;)
Sconsolato chiedo il tuo parere.

flavio ha detto...

Ciao a tutti!
io sto cercando di capire se funziona sulla maggior parte degli OPAC ...su quello che hai segnalato Opac/internetculturale mi sembra che non va.bisogna essere un pò fortunita per utilizzare zotero per ricerche su archivi italiani...devo iniziare la tesi e ancora non sono sicuro al 100% di poterlo utilizzare...che mi consigliate...è sicuro per ricerche tipo tesi?grazie

Piero Vereni ha detto...

Ormai uso Zotero da tempo e per le mie esigenze va bene. Non "vede" gli Opac italiani (internetculturale) ma io uso quasi sempre biblioteche online straniere (USa, UK, F) e va egregiamente. Trovo scomodo che non gestisca bene le traduzioni (titolo originale, traduzione di, titolo tradotto)e i formati per comporre uno stile personale sono un vero casino. Ma poi (e mi scuso se rispondo a gunzapper con mesi e mesi di ritardo ma il suo commento lo vedo solo oggi, me lo sono perso allora) consente le citazioni multiple (basta fare la richiesta specifica al momento). A me serve soprattutto per tenere il materiale organizzato e reperibile per parole chiave, più che per le bibliografie dei testi.

flavio ha detto...

grazie per la risposta! le funzionalità sono interessanti e la nuova versione promette bene. per una ricerca seria come la tesi purtroppo il plugin per openoffice non è ancora stabile. sono ancora indeciso...il risparmio di tempo sarebbe notevolissimo....almeno per la schedatura iniziale...grazie comunque!ciao

flavio ha detto...

ciao...posso chiederti un favore per quanto riguarda gli stili...la mia tesi è in giurisprudenza quindi materia umanistica e mi chiedevo se avresti pototuto condividere un stile per le citazioni in italiano adatto alla mia dissertazione.se puoi ti ringrazio infinitamente.non sono riuscito a trovare nessuna comunità/forum italiana su zotero.grazie ,ciao

Eleonora ha detto...

Ciao a tutti,
Uso Zotero da tempo e mi trovo molto bene. Purtroppo devo cambiare computer e mi chiedevo se ci fosse un modo per salvare la bibliografia di zotero del vecchio pc ed installarla sul nuovo. Suggerimenti?