2011/12: INFORMAZIONI PER CHI AVEVA 12 CFU E TUTTI GLI MP3 DELLE LEZIONI

venerdì 2 dicembre 2016

Perché voterò No al Referendum costituzionale

Ho cercato di scrivere un post spiegando le mie ragioni (da antropologo) per votare No, ma ne è venuto fuori un pippone lungo e in parte indigesto, che potete (se siete masochisti) leggere qui. Provo invece in questa sede a sintetizzare per chi, giustamente, avesse poco tempo.

1. La Costituzione è una carta in buona sostanza simbolica. Non è vero che ha il potere di cambiare la politica o l’economia di un paese, per quella ci vogliono leggi ordinarie. La Costituzione è come un campo di gioco, stabilisce le dimensioni, il tipo di materiale e, quando serve, il tipo di attrezzatura. Ma non dice che sport ci giocherai (pensate ai palazzetti), al massimo te ne vieta alcuni (impossibile giocare a polo in un palazzetto, ad esempio, o hockey sul ghiaccio sulla terra rossa) e soprattutto non ti garantisce mai che la tua squadra vincerà il campionato.

2. Quindi, la Costituzione è lo spazio delle regole condivise PRIMA che inizi l’Agon politico, la battaglia tra chi poi perderà e vincerà di volta in volta. Mettere in piedi una riforma costituzionale con spirito agonistico (se non vinco me ne vado) è folle, perché contraddice (qualunque sia il suo “andiamo nel merito”) nel metodo il fine stesso della Carta, che è integrativo e non divisivo. Fare una riforma intitolandosela è un sintomo grave di insipienza politica. Pretendere di vincere un referendum costituzionale implica l’incapacità di comprendere la funzione di una Costituzione. Per me chi si muove su questo piano è un cannibale politico, gli interessa solo il Potere personale, non il bene del Paese. Se gli interessasse il bene del Paese avrebbe chiesto al Parlamento di fare una riforma, al massimo. Uscendo dall’aula durante il dibattito e il voto.

3. Questo discorso vale tanto per chi vuole “vincere” quanto per chi vuole “far perdere”, e i fondi velenosi di Travaglio e le promesse di denuncia di Grillo sono prodotti nella stessa logica divisiva che nega il valore della Costituzione. Fare le barricate per il No invocando fascismi, stupri della sacralità della carta e il rigurgito centralista e statalista è una strategia divisiva, che ancora una volta punta a far vincere la propria parte e che di fatto si muove nella stessa logica agonistica del gioco a somma zero (se qualcuno ci guadagna, allora qualcuno ci rimette per forza).

4. Quindi non posso votare Sì perché l’intento di questa riforma è, da parte del promotore, la sanzione popolare del suo Potere giammai legittimato dal voto: ha fatto una scommessa quando le quote lo davano imbattibile, e ora si trova a dover drogare di doping il cavallo sbagliato. Non è esattamente quel che si dice uno spirito costituzionale ad aver messo in moto tutto il baraccone, e non me la sento di legittimare una mossa di prevaricazione politica. Ma questo non è un argomento per votare No, dato che bastava cominciare con loro (dai, Berlusconi; suvvia, Salvini: ma fatemi il piacere) per avere gli stessi argomenti per NON stare dalla loro parte (e quindi per evitare convintamente di votare No).

5. Se dunque una riflessione sulla forma mi impedisce di scegliere (sono sbagliate entrambe le motivazioni) posso guardare al contenuto, e questo mi rassicura. Questa riforma costituzionale è terribilmente vecchia, e porta in Italia uno stile di rappresentanza politica che è nato in USA nel secondo dopoguerra, e si è espanso in Europa a partire dalla ventata “di destra” degli anni Ottanta. E’ uno stile che pretende di ridurre “la politica” a una cosa sporca che meno ce n’è e meglio è per i cittadini. Uno stile che pretende di cancellare i corpi intermedi della rappresentanza per creare legami diretti tra un indistinto popolo (sempre più esentato da dichiarazioni di appartenenza di classe e sempre più invece spinto a dichiararsi etnicamente) e una leadership plebiscitaria e ristretta. Io voglio la ritualità del potere, i suoi salamelecchi, i lacci e lacciuoli, proprio perché un potere franco, che “ci mette la faccia”, che pensa a “fare, fare, fare” senza pensare a “dialogare, ragionare, mediare” è quello di cui NON abbiamo bisogno oggi. Io voglio una terza camera, una quarta, che rallenti il ritmo delle leggi (ne facciamo troppe, infatti, e troppo velocemente) che impedisca al ministro di turno di avere carta bianca senza un’ampia e laboriosissima discussione. Io voglio la Palude, unica garanzia di Democrazia compiuta.

6. Certo, sto esagerando, sto provocando. Ma l’idea di fondo spero sia chiara. Io voto No perché questa proposta di Riforma spinge in una direzione che il mondo occidentale ha visto percorsa da tutte le democrazie “mature” da troppo tempo. Voto No perché è una riforma vecchia, fatta da giovani vecchi, che non capiscono nulla dei bisogni del paese, che riciclano le ricette ammuffite del Nord Europa. Abolire il CNEL? Io lo voglio rifinanziato. Abolire il Senato? Sarà forse la camera unica in grado di affrontare la questione ecologica, la crisi capitale-ambiente, il disastro generazionale, la sperequazione di genere? O non sarebbe invece un paese più colto, più istruito, con più investimenti in ricerca e sviluppo?


7. Per questo voto No, senza bisogno di fare il tifo, senza che chi vota No mi consideri dalla parte sua (Salvini vaffanculo), e senza che chi vota Sì si senta tradito, mi tolga il saluto o altre oscenità che sono in contraddizione con lo spirito stesso del voto referendario quando è in gioco la Costituzione. Non voglio vincere, non voglio perdere, non è una gara. Chi vota Sì o No con spirito Costituzionale (e non per vincere) ha tutta la mia stima e la mia considerazione. Cambiamo partita, per cortesia, anzi, smettiamo di credere sia una partita, usciamo dalla metafora fintamente rassicurante della partita. Non ci sono avversari, se non quelli che ci inventiamo, in un voto referendario.

Nessun commento: